Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Portale di informazione sulla Sicurezza sul Lavoro della Global System ict

Formazione di 4 ore per i lavoratori abilitati all’uso prima del 12 marzo 2013 ed eventuale verifica finale

Entro il 12 marzo 2015 i lavoratori addetti all’utilizzo delle attrezzature di lavoro contemplate nell’Accordo Stato-Regioni del 22/02/2012 dovranno integrare la formazione pregressa con un modulo di aggiornamento di 4 ore.
Qualora ciò non avvenisse, il lavoratore perderebbe l’abilitazione all’utilizzo dell’attrezzatura o delle attrezzature di lavoro in questione e dovrebbe ripetere il corso completo.
Per completezza di informazione, precisiamo che l’Accordo Stato-Regioni all’Allegato A riconosce la validità dei corsi di formazione erogati prima della sua entrata in vigore (vale a dire prima del 12 marzo 2013) rispondenti ad almeno una delle seguenti condizioni:

  1. corsi di formazione della durata complessiva non inferiore a quella prevista dagli allegati, composti di modulo teorico, modulo pratico e verifica finale dell’apprendimento;
  2. corsi, composti di modulo teorico, modulo pratico e verifica finale dell’apprendimento, di durata complessiva inferiore a quella prevista dagli allegati a condizione che gli stessi siano integrati tramite il modulo di aggiornamento di cui al punto 6, entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore dell’Accordo;
  3. corsi di qualsiasi durata non completati da verifica finale di apprendimento a condizione che entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore dell’Accordo siano integrati tramite il modulo di aggiornamento di cui al punto 6 e verifica finale dell’apprendimento.

Pertanto, gli operatori che conseguirono l’abilitazione tramite un corso di cui alle condizioni b) o c) prima dell’entrata in vigore dell’Accordo Stato-Regioni, ovvero prima del 12/03/13, hanno l’obbligo di frequentare il primo corso di aggiornamento della durata di 4 ore entro e non oltre il 12 marzo 2015 ed, entro tale data, effettuare la verifica finale (se necessaria).

Ricordiamo altresì le attrezzature di lavoro contemplate dall’Accordo Stato-Regioni 22/02/2012:

– Piattaforme di lavoro mobili elevabili;
– Gru a torre;
– Gru mobile;
– Gru per autocarro;
– Carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo (carrelli semoventi a braccio telescopico, carrelli industriali semoventi, carrelli/elevatori/sollevatori semoventi telescopici rotativi);
– Trattori agricoli o forestali;
– Macchine movimento terra (escavatori idraulici, escavatori a fune, pale caricatrici frontali, terne, autoribaltabile a cingoli);
– Pompe per calcestruzzo.
Concludiamo ricordando che il punto 6 dell’Allegato A dell’Accordo Stato-Regioni, in merito alla “durata della validità dell’abilitazione e dell’aggiornamento”, stabilisce che “l’abilitazione deve essere rinnovata ogni 5 anni” e che “il corso […]ha durata minima di 4 ore” per ogni macchinario che l’operatore è solito manovrare.

Fac-simile

Facsimile CONSENSO INFORMATO

lo sottoscritto/a___________________________ in qualità di Datore di lavoro della Società ___________________dichiaro di essere stato/a sufficientemente informato/a circa i contenuti dell’Accordo Stato-Regioni del 22/2/2012, che prevede per i lavoratori che al momento dell’entrata un vigore dell’Accordo (12/03/2013) risultavano essere già incaricati della conduzione di una delle attrezzature in esso comprese, la possibilità di riconoscimento di una formazione pregressa e di poter effettuare entro il 12/03/2015 il pertinente corso di aggiornamento ad eventuale integrazione (articolo 9 lettere a), b) e c).

In particolare dichiaro che, per i lavoratori (allegati nominativi) da me incaricati all’uso di ____________________________, sono a richiedere di procedere:

☐ all’erogazione del Corso di aggiornamento di 4 ore

☐ all’erogazione del Corso di aggiornamento di 4 ore + verifica finale dell’apprendimento

☐ all’analisi dei fabbisogni formativi comprensiva del test di ingresso

☐ alla elaborazione del programma più idoneo per contenuti e ore necessarie di formazione teorica e pratica

☐ all’erogazione del Corso di aggiornamento calibrato ad hoc + verifica finale dell’apprendimento

………, li ………………                                                                                                           firma del datore di lavoro

Pubblicata dal MLPS la circolare n. 34 del 23 dicembre 2014. Il documento riporta indicazioni sull’applicazione dell’allegato VIII, Requisiti minimi dei corsi di formazione teorico-pratico per lavoratori addetti alla conduzione di trattori agricoli o forestali.
Il testo fornisce indicazioni in merito ai vari aspetti della formazione in oggetto, come il ciclo di lavoro, il ciclo di lavoro a vuoto, attrezzatura semiportata, requisiti dell’area, il piazzale, percorso di prova, messa a riposo del trattore, quindi moduli pratici ed esercitazioni di pratiche operative.

Circolare MLPS 20141223_n.34

Il termine di entrata in vigore dell’obbligo dell’abilitazione all’uso delle macchine agricole – obbligo disposto dall’Accordo, sancito il 22 febbraio 2012 dalla conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Provincie Autonome, “concernente l’individuazione delle attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori, nonchè modalità per il riconoscimento di tale abilitazione, i soggetti formatori, la durata, gli indirizzi e i requisiti minimi di validità della formazione” – è stato posticipato al 31 dicembre 2015 ai sensi dell’art. 45-bis, comma 2, del D.L. 69/2013 (convertito Legge 98/2013) come modificato dall’art. 8, comma 5-bis del D.L. 192/2014.

Il volume, presentato in una nuova edizione Inail, vuole essere uno strumento d’informazione per il corretto utilizzo di scale e sgabelli destinati esclusivamente ad un uso privato all’interno delle abitazioni così da salvaguardare l’integrità fisica e la salute dell’utente. Per ogni tipologia di scala considerata, sono riportati: brevi cenni sulla normativa di riferimento per ciò che attiene ai requisiti minimi di sicurezza di una scala; le indicazioni rivolte ad una scelta del modello più adatto da utilizzare in funzione del tipo di lavoro da svolgere; i comportamenti idonei da adottare per prevenire il verificarsi di una caduta accidentale. “Fonte INAIL

 

Scale e Sgabelli INAIL

Il Comitato Regionale di Coordinamento delle attività di prevenzione e vigilanza in materia di salute e sicurezza sul lavoro del Veneto ha elaborato un Software per la redazione del DVR Standardizzato. Linee di indirizzo che si sviluppano attraverso una analisi guidata dei rischi che si avvale di check-list tematiche strutturate sul classico percorso: identificazione, valutazione, verifica degli interventi di prevenzione adottati, gestione del rischio residuo.